Anpas aderisce alla XXIV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Il 21 marzo a Novara

Pocket
21 marzo 2019 a Novara, partenza del corteo ore 9.00 Stadio Piola
Arrivo del corteo in piazza Martiri della Libertà

Quest’anno la XXIV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie si svolge in Veneto, a Padova, città scelta per stare vicino a chi, nel Nordest, non si rassegna alla violenza mafiosa, alla corruzione e agli abusi di potere, ma per valorizzare l’opera di tante realtà, laiche e cattoliche, istituzionali e associative, impegnate in quella terra difficile ma generosa per il bene comune, per la dignità e la libertà delle persone.

Replicando la “formula” adottata a partire dal 2016, il 21 marzo, Padova sarà la “piazza” principale, ma simultaneamente in oltre 4000 luoghi d’Italia, – scuole, associazioni, università, fabbriche, parrocchie – verranno letti i nomi delle vittime innocenti delle mafie.
Nella nostra Regione la piazza principale sarà Novara, una città dove non si registra nessuna operazione antimafia, ma non mancano novaresi condannati per 416-bis o per concorso esterno in associazione mafiosa, oltre a diversi casi di estorsione e usura, spesso perpetrati con modalità criminali molto vicine a quelle mafiose, di prostituzione e di reati ambientali gravi, con tanto di collegamenti con la ‘ndrangheta.

A tutte le realtà, che per diversi motivi o impegni improrogabili non potranno sospendere le loro attività per partecipare all’appuntamento regionale, chiediamo di essere uno dei quattromila luoghi del 21 marzo, esponendo il materiale comunicativo, fermandosi insieme al resto d’Italia per ricordare le oltre 900 vittime innocenti delle mafie, con la lettura dei loro nomi, facendosi portavoce
di una richiesta di verità e giustizia.

A sottolineare, non solo simbolicamente, che per contrastare le mafie e la corruzione occorre sì il grande impegno delle forze di polizia e di molti magistrati, ma prima ancora occorre diventare una comunità solidale e corresponsabile, che faccia del “noi” non solo una parola, ma un crocevia di
bisogni, desideri e speranze.
Volti di un Paese magari imperfetto, ma pulito e operoso, che non si limita a constatare ciò che non va, ma si mette in gioco per farlo andare.
Per ogni ulteriore informazione e segnalare i luoghi dove si svolgeranno iniziative e letture dei nomi, scrivere all’indirizzo info@liberapiemonte.it.

Fonte: Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
Coordinamento del Piemonte