I 100 anni della Croce Bianca Acqui Terme danno vita al Museo Storico e al libro del Centenario

Pocket

L’inaugurazione del Museo Storico della Pubblica Assistenza Croce Bianca Acqui Terme dedicato alla memoria del volontario e consigliere, Giancarlo Villa e la presentazione del libro Cent’anni di Croce Bianca, a cura di Monica Benzi e Daniela Diaz hanno aperto, il 7 settembre, i festeggiamenti per il Centenario di fondazione della Pubblica Assistenza acquese. Sono intervenuti tra gli altri, il presidente della Croce Bianca Acqui Terme, Edoardo Cassinelli, la vedova di Giancarlo Villa, Clara Gagino, Don Franco Cresto, Mauro Guala, presidente della Soms Società Operaia di Mutuo Soccorso di Acqui, il presidente nazionale Anpas, Fabrizio Pregliasco e il presidente regionale Anpas, Andrea Bonizzoli.

Il presidente della Croce Bianca Acqui Terme, Edoardo Cassinelli: «Il nostro Museo Storico è intitolato a Giancarlo Villa che è stato il direttore di sede della Croce Bianca Acqui Terme. È stato lui che tanti anni fa ha iniziato a raccogliere tutto il materiale che troviamo nel museo: fotografie, documenti, lettere, divise storiche. La storia della Croce Bianca è profondamente legata alla storia della Città di Acqui Terme, così come viene ben raccontato nel libro del Centenario di fondazione. Ringrazio tutti volontari, i soci sostenitori e tutti coloro che hanno condiviso con noi questo bel momento».

 Il Museo storico della Croce Bianca Acqui Terme, allestito presso la sede dell’Associazione in Piazza Don Dolermo, ospita materiali di archivio, la bandiera originale, alcune attrezzature sanitarie risalenti ai primi decenni del Novecento come la barella a mano per il soccorso e il trasporto di ammalati e feriti, documenti che risalgono alla fondazione della Croce Bianca avvenuta nel 1919 e che hanno posto le basi per la realizzazione del libro Cent’anni di Croce Bianca,

Il presidente nazionale Anpas, Fabrizio Pregliasco: «Come ha ribadito il presidente della Croce Bianca Acqui Terme, senza la storia non c’è futuro, le radici sono fondamentali. Un bell’esempio di un’associazione centenaria che evidenza lo spirito di Anpas e la presenza sul territorio. L’impegno e l’eredità storica di chi è venuto prima di noi vanno evidenziati e portati avanti nell’ambito di una crescita della cittadinanza attiva».

Andrea Bonizzoli, presidente Anpas Piemonte: «Porto il saluto e la vicinanza delle 83 Pubbliche Assistenze Anpas del Piemonte e dei suoi oltre 9mila volontari e volontarie. È importante ricordare i nostri valori di solidarietà, gratuità, libertà e uguaglianza e soprattutto la nostra storia, un’ottima occasione per essere insieme ai tanti volontari e ai tanti giovani della Croce Bianca di Acqui. A tutti loro i nostri migliori auguri».

Le celebrazioni istituzionali per i 100 anni della Croce Bianca Acqui Terme, associata Anpas, si terranno domenica 15 settembre con il patrocinio della Città di Acqui Terme, della Provincia di Alessandria e della Regione Piemonte. In programma, alle ore 10.30, la funzione religiosa presso la Parrocchia San Francesco di Acqui Terme e l’inaugurazione della nuova ambulanza per il soccorso avanzato. Alle ore 12 è prevista la partenza del corteo di volontari e mezzi per le vie cittadine.

Alle ore 14.30 si svolgerà una coinvolgente iniziativa aperta alle consorelle Anpas che parteciperanno al Centenario della Croce Bianca: 100 metri di corsa con le barelle. Alle ore 15 la premiazione dei volontari con maggiori anni di servizio in associazione e dei donatori di sangue. A seguire i saluti alle consorelle e l’apertura del Museo Storico della Croce Bianca Acqui.

Nel 1919, l’allora presidente della Pubblica Assistenza Croce Bianca di Savona, il Cavalier Giuseppe De Meo, mentre soggiornava in Acqui Terme per le cure termali, rilevava che Acqui era priva di un’organizzazione per il soccorso di ammalati e infortunati. De Meo illustrò la sua iniziativa in presenza del presidente della locale Società Operaia di Mutuo Soccorso, Giuseppe Bellafà, esponendo quanto fosse rilevante costituire un’istituzione di pronto soccorso. Il 4 settembre 1919 venne ufficialmente fondata l’Associazione di Pubblica Assistenza di Acqui che, in onore della consorella di Savona, venne denominata Croce Bianca.
Il compito della Croce Bianca era di intervenire negli infortuni pubblici o privati, di assistere e trasportare gli infermi o i sinistrati, di compiere gratuitamente azioni dirette al conforto degli ammalati, senza distinzione di religione o di partito.Nel 1932, in epoca fascista, la Croce Bianca di Acqui venne inglobata nella Croce Rossa Italiana, diventandone un sottocomitato. Terminata la Seconda Guerra Mondiale, nel 1945, la Croce Bianca venne rifondata dal dottor Stefano Ivaldi, sindaco della città termale. Nel 1951 la Croce Bianca costituì la Banca del Sangue di Acqui Terme, quarta in Italia in ordine di tempo. Questa nuova branca di attività con la creazione di un Gruppo Donatori Sangue, ha fatto sentire tutta la sua importanza e la sua necessità sia nei casi di urgenti trasfusioni sia nei casi di calamità nazionali. Fino al 1988 la sede del Gruppo Donatori Sangue e ambulatorio trasfusionale, era la stessa dell’Associazione. Dal 1989 le trasfusioni si effettuano presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Civile di Acqui Terme, mentre la sede del Gruppo resta quella associativa.

Ancora oggi la Croce Bianca di Acqui Terme è un’istituzione, un punto di riferimento consolidato per l’intera comunità e continua a promuovere la solidarietà e l’aggregazione. La Croce Bianca, aderisce all’Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze), grazie ai suoi 76 volontari e 8 dipendenti, svolge annualmente oltre 3mila servizi divisi fra servizi di emergenza sanitaria a mezzo ambulanza, trasporti ordinari di tipo socio-sanitario e assistenza a eventi e manifestazioni con una percorrenza superiore ai 143mila chilometri. Il parco automezzi è composto da quattro ambulanze e due mezzi attrezzati per trasporto di persone con disabilità.

L’Anpas Comitato Regionale Piemonte rappresenta 83 associazioni di volontariato con 9 sezioni distaccate, 9.471 volontari (di cui 3.430 donne), 6.635 soci sostenitori e 377 dipendenti. Nel corso dell’ultimo anno le associate Anpas del Piemonte hanno svolto 432mila servizi con una percorrenza complessiva di circa 14 milioni di chilometri utilizzando 382 autoambulanze, 172 automezzi per il trasporto disabili, 223 automezzi per il trasporto persone e di protezione civile.

Grugliasco (To), 7 settembre 2019

 

Luciana Salato – Ufficio stampa ANPAS – Comitato Regionale Piemonte; Mob. 334-6237861, e-mail: ufficiostampa@anpas.piemonte.it,  www.anpas.piemonte.it