Anpas: inaugurazione della Casa della Montagna ad Amatrice

Pocket

Il 16 novembre ad Amatrice, nel Lazio, verrà inaugurata la Casa della Montagna costruita grazie ai contributi e raccolte fondi di Anpas e del Club Alpino Italiano.

La Casa della Montagna di Amatrice è stata realizzata dove c’era la Scuola Media Capranica, distrutta dal terremoto del 2016, con l’intento di diventare l’edificio simbolo delle montagne della rinascita. Un presidio funzionale per il volontariato e per gli amanti della montagna. Presso la Casa della Montagna si faranno formazione, progetti con le scuole e attività legate all’arrampicata. La Casa sarà anche posto tappa per gli escursionisti e centro di coordinamento dei soccorsi in caso di calamità naturali. Edificata con criteri antisismici e con tecniche di bio-architettura, la struttura, per la maggior parte in legno, è caratterizzata da una sala per le conferenze, una biblioteca, una zona boulder per principianti all’interno e una parete di arrampicata all’esterno. Ospiterà inoltre la sede del Soccorso Alpino e Speleologico del Cai e la sede della Sezione amatriciana del Club Alpino. Presenti infine una zona cucina al piano terra e camerate per dormire al piano superiore.  All’interno della Casa della Montagna è prevista anche una sala riunioni che sarà intitolata in memoria di Egidio Pelagatti vero promotore di questo progetto.

«Un importante momento di ritrovo per restituire ad Amatrice e ai sui abitanti un luogo di aggregazione, – commenta il presidente di Anpas Piemonte, Andrea Bonizzoli – segno tangibile dell’aiuto alla ricostruzione voluto da Anpas e Cai. L’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze e il Club Alpino Italiano sono sempre stati vicini alle popolazioni colpite dal sisma sin dai primi momenti con i soccorsi. Invitiamo i volontari a intervenire numerosi all’inaugurazione della Casa della Montagna».

Il programma della giornata prevede alle ore 11 i saluti delle autorità e l’incontro con i rappresentanti Cai e Anpas presso la Casa della Montagna. Interverranno il presidente generale Cai, Vincenzo Torti e il presidente Anpas, Fabrizio Pregliasco. A seguire il taglio del nastro e l’inaugurazione della mostra sull’alpinista Riccardo Cassin a cura della Fondazione Cassin di Lecco e visita della Casa della Montagna.

Anpas Comitato Regionale del Piemonte ha inviato nel 2016, per la gestione dell’emergenza terremoto in Centro Italia, 195 volontari operativi nei territori di Amatrice, Foligno, Norcia, Macerata, Tolentino. I volontari sono stati impiegati anche in supporto alla popolazione per interventi di protezione civile e di assistenza sanitaria. I volontari Anpas del Piemonte hanno prestato inoltre servizio presso la Sala operativa nazionale di Protezione civile e si sono resi disponibili per le attività quali il ripristino e la manutenzione delle attrezzature e dei materiali e rientrati.

L’Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) Comitato Regionale Piemonte rappresenta oggi 82 associazioni di volontariato con 9 sezioni distaccate, 9.379 volontari (di cui 3.447 donne), 6.259 soci, 407 dipendenti, di cui 55 amministrativi che, con 404 autoambulanze, 191 automezzi per il trasporto disabili, 224 automezzi per il trasporto persone e di protezione civile e 5 imbarcazioni, svolgono annualmente 462.864 servizi con una percorrenza complessiva di oltre 15 milioni di chilometri.

Grugliasco (To), 11 novembre 2019

 

Luciana Salato – Ufficio stampa ANPAS – Comitato Regionale Piemonte, Tel. 011-4038090; e-mail: ufficiostampa@anpas.piemonte.it, www.anpas.piemonte.it